Home » Come scegliere » Come scegliere un tapis roulant

Come scegliere un tapis roulant

Come scegliere un tapis roulant
  • Staff Angolo degli Acquisti
  • 5 mesi ago

Il primissimo tapis roulant venne realizzato nel 1952 dal dottor Quinton nell’Università di Washington, come mezzo per la diagnosi di malattie cardiache e polmonari.

Il suo progetto ricevette cospicui fondi grazie alla ricerca sui benefici dell’esercizio aerobico e da allora questo famoso e amato macchinario da palestra, ha continuato ad essere commercializzato e perfezionato in una serie di varianti che vanno incontro a tutte le necessità, dall’allenamento sportivo agonistico all’home fitness.

I tapis roulant si trovano non solo in palestre, centri sportivi ed abitazioni private, ma anche in centri di riabilitazione fisioterapica, strutture delle forze armate e della NASA, istituti di biomeccanica e da qualche anno anche in uffici di aziende che hanno scoperto i benefici del movimento sul benessere e la produttività degli impiegati.

ProdottoDimensioni Prezzo Voto Azioni
Diadora Edge Dark 2.0
170 x 70 x 126 cm
69 kg
9.0 / 10 Vedi Offerta Recensione
Fitfiu HSM-T08E
120 x 60 x 120 cm
26 kg
9.0 / 10 Vedi Offerta Recensione
JK Fitness MF100
138 x 61 x 138 cm
27.5 kg
8.6 / 10 Vedi Offerta Recensione

Quali fattori considerare per l’acquisto del tuo tapis roulant?

Il motore

Nella valutazione di un tapis roulant in vista dell’acquisto, il primo aspetto da considerare è il motore, senza sottovalutare il rapporto del peso dell’utilizzatore e la portanza della macchina. Maggiore sarà il numero di cavalli del motore, più il tapis roulant resisterà agli sforzi e si rivelerà duraturo e resistente all’usura.

Una caratteristica tecnica che dovrai tenere a mente è il valore HP, che rappresenta la potenza dell’allenamento: l’HP continuous rappresenta la potenza costante, mentre l’HP peak è il picco di potenza massima emesso dal motore ed è di questo dato che devi tenere conto al momento dell’acquisto. I tapis roulant per home fitness sono dotati generalmente di motori a corrente continua (DC) mentre quelli professionali vanno a corrente alternata (AC).

Per mantenere il motore efficiente nel tempo, bisogna sempre prendere in considerazione il peso dell’utilizzatore per evitare che la pressione esercitata del piede sia eccessiva e determini un rallentamento del nastro o un suo arresto, dando vita a problemi meccanici e surriscaldando il motore stesso. Se il motore dovesse surriscaldarsi eccessivamente, comincerebbe a perdere potenza ad ogni successivo utilizzo, per effetto della smagnetizzazione dei magneti presenti al suo interno.

Ricorda che rovinare per sempre il motore di un tapis roulant è questione di pochi minuti: anche un solo singolo quarto d’ora di cattivo utilizzo ne può compromettere la funzionalità in modo pesante.

Il nastro

La dimensione della superficie di corsa dev’essere adeguata alla corporatura e alle dimensioni dell’utente. Gli atleti professionisti utilizzano tapis nastroroulant con piano di corsa di dimensioni grandi ed una base pesante ed ingombrante, ma chi pratica home fitness si rivolge a tapis roulant della dimensioni più modeste.

Diffida comunque da macchine che abbiano una dimensione inferiore a 40×120 cm: questa è infatti la misura minima standard, al di sotto della quale la stabilità del tapis roulant non è garantita, e si rischiano seri infortuni o incidenti domestici.

Un aspetto molto importante per un corretto utilizzo della macchina è il sistema d’ammortizzazione, che consente di tamponare gli eventuali danni da impatto alle articolazioni. Esistono diversi tipi di ammortizzazione come gli inserti in gomma, i sistemi misti di molle e gomma e gli ammortizzatori ad aria.

I programmi

Esistono vari tipi di programmi pre-impostati che ti permetteranno di allenarti simulando varie tipologie di percorsi e diverse inclinazioni, rendendo l’allenamento più dinamico e divertente. I programmi con frequenza cardiaca predefinita (RHC) sono molto utili perchè permettono di allenarti mantenendo un battito cardiaco dal valore costante per tutta la durata dell’allenamento e permettono due tipi di lavoro (aerobico e anaerobico) a seconda della necessità personale. Per esempio un allenamento aerobico aiuta a bruciare i grassi mentre un allenamento anaerobico migliora le capacità cardiocircolatorie.

Per il rilevamento del battito cardiaco sono stati messi a punto due metodi: la fascia toracica che trasmette alla consolle il valore rilevato lasciando le braccia completamente libere di muoversi, o il sistema hand pulse, che si attiva stringendo in mano dei sensori: quest’ultimo sistema ha lo svantaggio di una misurazione non troppo precisa, in quanto il palmo della mano non è il punto d’elezione di rilevamento del battito cardiaco, come invece lo è il torace.

Inclinazionetapis

L’inclinazione è solitamente elettrica, ma non mancano alcuni tapis roulant con inclinazione fissa o manuale. Si tratta perlopiù di prodotti assolutamente
non professionali, adatti ad un uso casalingo o saltuario e a chi predilige la camminata alla corsa. Nei tapis roulant ad inclinazione elettrica, il cambiamento avviene comodamente semplicemente premendo un tasto sotto la consolle e andando a modificare l’inclinazione del piano.

L’inclinazione è importante nell’allenamento a fini di dimagrimento, perché aumenta considerevolmente il consumo energetico a causa dell’intervento della gravità, e ciò ti permette di consumare calorie fino a tre volte in più della semplice corsa in piano.

Pro e Contro dei prodotti in fascia economica e in fascia media

Risparmiare è senz’altro una buona cosa. Ma un risparmio ottenuto acquistando un prodotto discutibile è solo un’illusione che porterà problemi. Nella scelta del tuo tapis roulant dovresti rivolgerti a marchi e produttori affidabili. Ci sono alcuni aspetti tecnici che non vanno assolutamente trascurati, anche a discapito del risparmio: per esempio è meglio puntare su una macchina dal motore robusto ed efficiente sacrificando la presenza di casse audio e gadget. Allo stesso modo non si dovrebbe mai risparmiare sul sistema di monitoraggio cardio e sul sistema di ammortizzazione, perché sono aspetti direttamente collegati alla sicurezza e alla salute.

Su alcuni aspetti è possibile risparmiare, su altri è meglio puntare ad un investimento leggermente più cospicuo che però ti possa assicurare una macchina sicura che durerà a lungo. Ormai i tapis roulant sono accessibili a tutti, il loro costo si è ridotto di pari passo con l’allargarsi della loro diffusione nel mercato dell’home fitness.

euroI prezzi sono estremamente variabili e partono da un minimo di 150 euro per un tapis roulant magnetico ad inclinazione manuale e magari pieghevole, ad una media di 3.000 euro per macchine robuste ed efficienti, anche se dobbiamo salire ancora per avere prodotti professionali.

Un tapis roulant economico può essere adatto ad un uso non continuativo, a fini di riabilitazione per danni di lieve entità e solo ad andatura di camminata. Una piccola valvola di sfogo per chi vuole praticare un minimo d’attività fisica senza spostarsi da casa.

Di contro non potrà essere usato per allenamenti di tipo sostenuto, non monitorerà le funzioni e qualora si possa regolare l’inclinazione sarà necessario farlo manualmente, scendendo dalla macchina. Le dimensioni più ridotte lo rendono meno stabile inadatto alla corsa. Un prodotto in fascia media (300-500€) invece permetterà l’uso di più funzioni, assicurerà una buona prestazione fisica ed una buona qualità di tutte le sue parti, compresi i sistemi di ammortizzazione, che sono una vera e propria polizza contro gli infortuni (riducono del 30% il rischio di danni articolari).

In generale, ti consigliamo di non sottovalutare mai l’importanza del rapporto qualità/prezzo e dell’assistenza post-vendita che solo prodotti di marchi affermati o specializzati possono garantirti. L’investimento che l’acquisto del tuo tapis roulant rappresenta, è a tutti gli effetti un investimento sulla tua salute, sulla tua sicurezza personale e sul tuo benessere, per questo motivo un prodotto in fascia medio-alta è sempre raccomandato rispetto al risparmio apparente di qualche centinaio di euro.

Conclusione

Per la scelta del tuo tapis roulant le offerte economiche potranno sembrare le più vantaggiose, ma comprare un macchinario di questo tipo tenendo conto solo del prezzo e non delle specifiche tecniche è caldamente sconsigliato. Ricorda che stai comprando un oggetto che dovrà garantire la sicurezza della tua persona e la validità del tuo allenamento: spesso e volentieri una sessione di workout condotta male può produrre danni più che benefici.

Per scegliere il tuo tapis roulant senza dovertene un giorno pentire, ti consigliamo di tenere a mente le tue caratteristiche fisiche (altezza, peso, falcata del passo), il tipo di utilizzo a cui sarà destinato (allenamento costante o utilizzo saltuario, camminata, corsa leggera o sostenuta), lo spazio a disposizione in casa e solo per ultimo il budget a disposizione.

Non sai quali sono i migliori?
➤ Vedi la nostra classifica dei migliori tapis roulant aggiornata a giugno 2017.

Come scegliere un tapis roulant
4.8 (96.67%) 6 votes
Fai una domanda o lascia un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *