Home » Come scegliere » Come scegliere un massaggiatore shiatsu

Come scegliere un massaggiatore shiatsu

Come scegliere un massaggiatore shiatsu
  • Staff Angolo degli Acquisti
  • 4 mesi ago

La tecnica shiatsu mette le sue radici nella tradizione giapponese, terra antica e ricca di valori, che vengono trasmessi dalle abili mani dei massaggiatori, custodi di una cultura millenaria in questo settore.

La storia del massaggio shaitsu è fortemente legata agli aspetti sacri, ai rituali alla base del do-in, dell’osteopatia e della chiropratica.

Il massaggio shiatsu avviene mediante digito-pressione da parte del massaggiatore che, in maniera abile e consapevole, manipola determinate aree del corpo, che seguono precisi meridiani, basandosi sui fondamenti dell’agopuntura. Per effettuare il massaggio si utilizzano le mani ma anche i gomiti e le ginocchia e ha lo scopo di riequilibrare l’energia.

Tutti vorremmo dedicare del tempo a una seduta di massaggi shiatsu ma, purtroppo, il tempo non sempre è sufficiente. Se anche tu hai questo problema, puoi comunque risolvere in altro modo, perché in commercio esistono delle valide alternative meccaniche, i massaggiatori shiatsu, che sostituiscono egregiamente l’azione del massaggiatore tradizionale.

ProdottoDimensioni Prezzo Voto Azioni
Naipo MGS
-
-
9.2 / 10 Vedi Offerta Recensione
Naipo MGP-129A
-
-
9.4 / 10 Vedi Offerta Recensione
Homedics NMS-250-EU
26 x 16 x 31 cm
1.37 kg
49.9€ 8.4 / 10 Vedi Offerta Recensione

Cos’è un massaggiatore shiatsu?

Riprendendo i capisaldi che sono alla base del massaggio shiatsu, il massaggiatore shiatsu meccanico imita la tecnica della digito-pressione. Questo strumento viene utilizzato prevalentemente per i massaggi a carico delle spalle e del collo, perché il massaggiatore shiatsu è assimilabile a un cuscino che, una volta azionato, agisce sui punti critici di queste zone per rilassarli e dare sollievo dall’accumulo di stress quotidiano. Può essere utilizzato in qualsiasi momento della giornata e non richiede grandi capacità, così come non sono segnalate controindicazioni al suo utilizzo.

Utilizzare il massaggiatore shiatsu al termine di una lunga giornata aiuta a scaricare lo stress accumulato a lavoro, durante lo studio e in qualsiasi altra attività, contribuisce a distendere i muscoli e a scaricare le energie negative. Per questo motivo è consigliato anche per le persone anziane, che possono approfittare dei benefici di questo strumento quando lo desiderano, mentre guardano la tv o mentre riposano.

Nella parte retrostante del cuscino massaggiante shiatsu sono presenti delle testine vibranti, i cosiddetti nodi di massaggio, che, una volta azionati, grazie alla pressione esercitata sui muscoli, simulano perfettamente la digito-pressione esercitata dal massaggiatore.

Come scegliere il massaggiatore shiatsu?

Fatta una doverosa premessa su cosa sia un massaggiatore shiatsu e quali siano le sue potenzialità, vediamo adesso come fare per scegliere il modello migliore per l’utilizzo specifico, quello più indicato per le tue necessità.

La destinazione d’uso

Il massaggiatore shiatsu è disponibile in commercio in diverse varianti, ciascuna delle quali viene utilizzata per uno specifico scopo, sulla base delle proprie esigenze, studiati per agire in modo specifico sulla cervicale, sulle spalle oppure su altre parti del corpo.

Modello a cuscino

I modelli di massaggiatore shiatsu più diffusi sono quelli a forma di cuscino, dove su un lato sono disposti gli elementi massaggianti. Questo modello è specifico per la cervicale.

Modello ad anello

Un altro tipo di massaggiatore shiatsu è quello ad anello, anch’esso studiato appositamente per rilassare la zona cervicale e delle spalle.

Anatomicamente è più ergonomico rispetto a quello classico a cuscino e in alcuni modelli presenta due nodi all’estremità, per migliorare e regolare l’intensità della pressione esercitata sul collo.

Modello verticale

Particolarmente interessante è anche il massaggiatore shiatsu verticale, specificatamente studiato per simulare le manipolazioni sulla schiena e sulla colonna vertebrale; in alcuni casi è previsto anche un supporto cervicale, per coniugare i massaggi in una zona del corpo più ampia.

Massaggiatore plantare

Seguendo i dettami e i principi della tradizione giapponese, è possibile acquistare anche i massaggiatori shiatsu specifici per i piedi: qui, infatti, si concentrano alcuni meridiani fondamentali, importanti centri delle energie del corpo, che mediante una corretta stimolazione giovano all’equilibrio spirituale e fisico.

La funzionalità

I massaggiatori shiatsu meccanici ed elettronici dispongono di un sistema di controllo più o meno complesso, che permette di gestire l’intensità del massaggio.

I modelli tradizionali necessitano di un’alimentazione elettrica con cavo mentre, alcuni dei modelli più recenti, sono realizzati con il sistema wireless, che permette la totale libertà senza l’ingombro e il legame di un cavo di alimentazione.

Questi modelli senza filo sono dotati di un sistema di batterie ricaricabili, che garantiscono una buona autonomia per effettuare uno o più cicli completi di massaggi.

Attraverso il controller, in alcuni casi, è possibile gestire anche la velocità di funzionamento del massaggiatore shiatsu e definire diversi programmi di massaggio, ciascuno dei quali volto al raggiungimento di uno specifico obiettivo.

Le fasce di prezzo

Così come accade per qualsiasi altro strumento in commercio, anche i massaggiatori shiatsu sono disponibili sul mercato a prezzi diversi. Prima di effettuare il tuo acquisto, però, devi valutare attentamente potenzialità e funzionalità di ciascuno di questi e non lasciarti fuorviare solo dal suo cartellino.

I modelli con il prezzo più alto sono solitamente più ricchi di funzionalità, permettono una gestione maggiore dell’intensità e del livello di massaggio e, in alcuni casi, presentano anche funzionalità extra, come il massaggio con gli elementi riscaldanti che avviene mediante l’implementazione dei raggi infrarossi. Si tratta di massaggiatori shiatsu professionali o semi-professionali, che danno indubbi benefici ma che hanno anche costi spesso molto elevati e il loro acquisto dev’essere ponderato sulla base dell’effettiva necessità di avere uno strumento così completo.

Tra i massaggiatori shiatsu della fascia di prezzo più elevata rientrano quelli che effettuano i massaggi alla cervicale e alla schiena, gli schienali con gli elementi massaggianti che effettuano un lavoro completo e distensivo di tutto l’apparato. I massaggiatori shiatsu più cari arrivano a costare anche 1000 euro: per un massaggiatore shiatsu completo la fascia di prezzo media è compresa tra i 200 e gli 800 euro.

I massaggiatori più economici, invece, difficilmente godono di grandi possibilità di controllo; sono solitamente realizzati per funzionare a una sola velocità e all’utente consentono esclusivamente la gestione dell’on/off. Ovviamente, anche se non garantiscono un’interazione totale, i vantaggi del massaggio shiatsu che viene effettuato sono ottimi, però non adatti per chi ha bisogno di un prodotto specifico. Sono per lo più adatti per chi cerca un massaggiatore per concedersi un po’ di sano relax e non per chi soffre di patologie a carico dell’apparato muscolo-scheletrico e necessita di un supporto particolare.

Un massaggiatore shiatsu base può essere acquistato per poche decine di euro, entro i 50 euro si trovano modelli economici e funzionali, perfetti per le esigenze di base.

Non sai quali sono i migliori?
➤ Vedi la nostra classifica dei migliori massaggiatori shiatsu aggiornata a maggio 2017.

Come scegliere un massaggiatore shiatsu
4.67 (93.33%) 6 votes
Fai una domanda o lascia un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *