Home » Come scegliere » Come scegliere un aspiracenere

Come scegliere un aspiracenere

Come scegliere un aspiracenere
  • Staff Angolo degli Acquisti
  • 3 mesi ago

Con l’ampia diffusione nelle stufe e caldaie a biomassa e in particolare quelle a pellet, sono diventati indispensabili gli aspiracenere.
Infatti le stufe a pellet, ma anche quelle a legna e i classici camini, lasciano dei residui, delle polveri molto sottili che non possono essere aspirate dai normali aspirapolvere.

Se hai anche tu una stufa a pellet, una caldaia a pellet o un camino, dovrai valutare l’acquisto di un aspiracenere, scegliendo fra i vari modelli che sono disponibili sul mercato.

In questa guida, dopo averti spiegato cosa è un aspiracenere e come funziona, ti indicheremo gli elementi che dovrai valutare per acquistare l’aspiracenere giusto per le tue esigenze.

ProdottoDimensioni Prezzo Voto Azioni
Kaercher 1.629-662
38 x 34 x 56 cm
6.4 kg
105€ 8.8 / 10 Vedi Offerta Recensione
LAVORWASH 8.243.0024
37 x 37 x 72 cm
7.7 kg
88.9€ 8.6 / 10 Vedi Offerta Recensione
Vigor Aspir-EL 600
-
-
24.5€ 8.2 / 10 Vedi Offerta Recensione

Cos’è un aspiracenere e quali sono le tipologie

L’aspiracenere è un elettrodomestico che ha la funzione esclusiva di aspirare la cenere residua dalla combustione di legna o pellet nelle stufe e nei camini. È dotato di un motore nella parte alta e di un filtro.

Aspiracenere ad aria e ad acqua

Esistono aspiracenere ad aria e ad acqua. Nel secondo caso il filtraggio avviene attraverso l’acqua e permette di aspirare anche le ceneri già calde. Si tratta di una tecnologia molto evoluta, di recente introduzione, anche parecchio costosa.

Aspiracenere portatili e bidoni aspiracenere

Ci sono in commercio aspiracenere portatili, solitamente da 15 litri dotati di una maniglia, che pesano intorno ai 3 kg, e bidoni aspiracenere che sono di capienza superiore, i quali arrivano fino ai 25-30 litri, alcuni muniti di ruote per un trasporto più agevole e di un peso oltre 10 kg.

Alcuni bidoni aspiracenere hanno delle funzioni aggiuntive, come le funzioni di aspirapolvere, aspiraliquidi e soffiatore. In questo caso sono muniti di accessori di aspirazione che si sostituiscono alla normale lancia che caratterizza anche gli aspiracenere più piccoli.

I filtri di questi elettrodomestici vanno puliti regolarmente e quando sono deteriorati vanno sostituiti con dei filtri nuovi.
Esistono anche aspiracenere senza motore che vanno abbinati ad un aspirapolvere. Sono parecchio scomodi da usare e riducono l’efficienza energetica di questo apparecchio.

Quali sono gli elementi da valutare nella scelta

Quantità di stufe da pulire

Se a casa disponi sono di una stufa a pellet di dimensioni normali o di un camino, e vivi in una zona abbastanza temperata, la tua scelta ricadrà su un aspiracenere piccolo da 15 lt. Considerando che i mesi freddi saranno pochi, e disponi solo di una stufa, sarà più che sufficiente.

Se disponi invece di una o più stufe a pellet, di un camino, o anche di una cucina a legna, la soluzione migliore è quella di acquistare un bidone aspiracenere. Questo ti eviterà la scocciatura di doverlo svuotare più volte.

Comodità di utilizzo

Anche se munito di ruote, un bidone aspiracenere è davvero scomodo da utilizzare. Ti dovrai piegare, lo dovrai sollevare e se non ne hai veramente bisogno diventerà davvero faticoso usarlo e riporlo, anche perché è parecchio ingombrante. Meglio un aspiracenere piccolo, pesa un terzo e quando non ti serve puoi tranquillamente riporlo nella sua scatola.

Aspirazione ceneri calde

Se hai l’esigenza di aspirare anche le ceneri calde, puoi acquistare un aspiracenere con la funzione innovativa ad acqua, la quale ti farà risparmiare del tempo, non dovendo attendere che la combustione cessi.

Tieni conto che un aspiracenere ad acqua necessità di maggiore manutenzione e dovrai pulirlo ogni giorno, in quanto si forma un grumo pastoso sul fondo del bidone, e questa operazione ti richiederà parecchio tempo.

Filtro

Acquista un aspiracenere che sia dotato di un buon filtro. Migliore sarà il filtro, migliore risulterà l’aspirazione. Ricordati di pulire il filtro
frequentemente, va bene ogni tre quattro utilizzi, e verifica che esistano i pezzi di ricambio per quando sarà esausto. Tieni conto che un filtro non pulito tenderà ad esaurire la sua vita in anticipo.

I filtri migliori sono i filtri HEPA (High Efficiency Particulate Air Filter), i più efficienti sul mercato, i quali sono detti anche assoluti perché hanno una capacità di filtrazione che parte dall’85% fino ad arrivare al 99,99%.

Funzioni aggiuntive

Valuta attentamente se ti servono le funzioni aggiuntive dei bidoni aspiracenere 4 in 1, ovvero che possono essere usati come aspirapolvere per i lavori più grossolani (un aspirapolvere normale è molto più efficiente), con funzione di soffiaggio e un altrettanto valida funzione di aspirazione liquidi. Sono usati frequentemente per esempio, nei cantieri o in laboratori artigianali come quelli di un falegname.

Facilità di pulizia

Gli aspiracenere portatili sono i più facili da pulire, poichè basta svuotarli e pulire il filtro. I bidoni aspiracenere sono più complicati sia per le dimensioni che per la struttura. Gli aspiracenere ad acqua vanno puliti dopo ogni utilizzo perché questo tipo di tecnologia tende a creare un grumo pastoso sul fondo del bidone che emana una terribile puzza di cui devi tener conto.

Lo scuotifiltro

Il filtro andrebbe pulito ogni volta che utilizzi l’aspiracenere, per questo motivo alcuni modelli sono dotati di uno scuotifiltro. Senza neanche dover aprire il tuo elettrodomestico, puoi attivare questa funzione con un pulsante che scuoterà il filtro automaticamente. Così in un lampo potrai riutilizzare il tuo elettrodomestico.

Qualità dei materiali

Presta grande attenzione anche alla qualità dei tubi e del fusto. Infatti un tubo o un fusto di qualità scadente si romperà o si ammaccherà subito con conseguente frustrazione tua e aspiracenere condannato all’inutilizzo.
I fusti più robusti sono in acciaio e sono molto resistenti agli urti.

Motore

Oltre agli aspiracenere con motore, esistono anche quelli senza motore che vanno collegati a un normale aspirapolvere. Sono detti anche separatori di cenere. È vero che costano meno degli aspiracenere, ma non farti tentare dal basso prezzo, sono complicati da usare e sono davvero molto meno efficienti rispetto a un aspiracenere col motore.

Lunghezza del tubo e dei cavi

È molto importante che consideri attentamente la lunghezza del tubo e dei cavi. Se la stufa o il camino sono molto distanti dalla corrente elettrica e se i tubi e i cavi non sono abbastanza lunghi, dovrai munirti di una scomodissima prolunga oppure condannerai il tuo aspiracenere all’inutilizzo.

Sacchetto o feltro

Molti bidoni sono muniti del sacchetto o di feltro. Evitali come la peste. Sono scomodissimi, allungheranno il tuo lavoro e dovrai spendere anche per l’acquisto dei sacchetti di ricambio.

Il prezzo

L’ultimo elemento da valutare è la cifra che sei disposto a spendere per l’acquisto di un aspiracenere.
Per un aspiracenere da 15 lt di buona qualità, il prezzo medio è di 30€, per modelli con lo scuotifiltro invece si arriva ai 45€.

I bidoni aspiracenere da 25 lt partono dai 45€ per arrivare agli 80€ e fino ai 140-180€ per modelli rispettivamente da 30 e 50 lt, con le funzioni aggiuntive di aspiraliquidi, aspirapolvere e soffiatura.

Gli aspiracenere ad acqua sono molto costosi, il prezzo base è di 300 euro, mentre un separatore di cenere costa invece intorno ai 35-50 euro per un modello da 15 lt.

Non sai quali sono i migliori?
➤ Vedi la nostra classifica dei migliori aspiracenere aggiornata a maggio 2017.
In alternativa puoi trovare tutte i aspiracenere in offerta aggiornate ogni giorno.

Come scegliere un aspiracenere
4.71 (94.29%) 7 votes
Fai una domanda o lascia un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *