Home » Casa » Cucina » Come scegliere un’affettatrice

Come scegliere un’affettatrice

Come scegliere un’affettatrice
  • Staff Angolo degli Acquisti
  • 2 anni ago

Acquistare un’affettatrice domestica, è indubbiamente un ottimo modo per avere salumi freschi ogni volta che ne abbiamo bisogno, risparmiando molto denaro. I salumi venduti a tranci o interi, hanno un costo sicuramente inferiore rispetto al loro prezzo all’etto.

In commercio si possono trovare svariati tipi di affettatrice che si differenziano in termini di caratteristiche tecniche e soprattutto di prezzo.
Vediamo insieme come poter scegliere l’affettatrice ideale in base alle nostre esigenze.

ProdottoDimensioni Prezzo Voto Azioni
Bosch MAS4104W
33 x 19.5 x 10.2 cm
1.94 kg
52€ 8.8 / 10 Vedi Offerta Recensione
Ritter Duo-Plus E 16
33.5 x 22.5 x 23 cm
3 kg
128.68€ 9.2 / 10 Vedi Offerta Recensione
RGV Special Edition 25
48 x 53 x 39 cm
14 kg
249.9€ 9.8 / 10 Vedi Offerta Recensione
RGV Lusso 195 GL
43 x 30 x 29.2 cm
10.2 kg
139€ 7.6 / 10 Vedi Offerta Recensione

Le dimensioni e il peso

Quando decidiamo di acquistare un’affettatrice, dobbiamo tra le varie cose, tener conto dello spazio che abbiamo a disposizione. Se abbiamo intenzione di acquistare un modello robusto e potente, per affettare agevolmente salumi anche molto stagionati, dobbiamo considerare che non potremo metterla via e tirarla fuori all’occorrenza. Ma dovrà rimanere perennemente a vista, sul bancone della nostra affettaricecucina o su di un apposito mobiletto.
In questo caso le dimensioni sono considerevoli, anche se possiamo trovare dei modelli più compatti dalle ottime prestazioni di taglio.

Se invece non abbiamo molto spazio a disposizione, possiamo optare per un modello pieghevole, che può essere facilmente posto in un mobile e tirato fuori quando ci serve. In questo caso però dovremo accontentarci di un’affettatrice dalle minori prestazioni.

Oltre alle dimensioni, un altro fattore importante da tener presente nella scelta della nostra affettatrice, è il peso. I modelli pieghevoli sono leggeri e facili da riporre. Se però vogliamo acquistare un’affettatrice professionale, teniamo presente che maggiore sarà il suo peso, migliore sarà la sua stabilità.
Le affettatrici compatte di media potenza hanno un peso che varia dai 5 kg ai 10 kg. Quelle professionali di fascia alta superano i 10 kg di peso e possono raggiungere anche i 25/30 kg.lama

La potenza e il diametro della lama

Nell’acquisto della nostra affettatrice dobbiamo considerare anche la potenza. In quanto, più sarà elevata, maggiore sarà la precisione del taglio e minore la fatica che faremo a dover tagliare i nostri salumi. Inoltre alcuni modelli economici, hanno bisogno di un intervallo di riposo ogni 5 o 10 minuti di lavoro, il loro motore si surriscalda e prolungando l’utilizzo si potrebbe causare un guasto.

Anche il diametro della lama è un elemento importante da tenere in considerazione. Più questo è elevato e maggiore sarà lo spessore dei salumi che potremo andare a tagliare. In genere parte dai 15 cm per arrivare ai 35 cm delle affettatrici professionali.

Pulizia e manutenzione

E’ importante prestare attenzione alla qualità dei materiali di cui è composta ogni affettatrice. I modelli più economici e pieghevoli, sono spesso prodotti in materiale antiurto (plastica). Assicuratevi sempre che la lama
sia fabbricata in acciaio inox
e che non abbiano inserti in metallo che potrebbero copriarrugginire. La praticità di pulizia, in questo caso, è data dalla lama facilmente estraibile, in modo da poterla lavare accuratamente (sempre con la massima attenzione!) utilizzando del comune detersivo per stoviglie. Per non danneggiare il filo, non utilizzate acqua calda e soprattutto non ponete la lama in lavastoviglie, anche nel caso in cui le istruzioni dicano il contrario.

I modelli più costosi e professionali, sono fabbricati in alluminio laccato con vernici alimentari ed acciaio inox. E’ sufficiente un panno umido imbevuto di aceto o alcool, per poterle pulire in maniera ottimale in ogni loro parte, così da evitare l’insorgere di germi e batteri.
Occasionalmente, con l’ausilio di un comune cacciavite, possiamo togliere la lama e le altre parti smontabili, in modo da effettuare una pulizia più approfondita.
Per mantenere la nostra affettatrice pulita e al riparo dalla polvere, possiamo trovare in commercio, degli appositi teli in cotone.

Il prezzo

Come abbiamo già detto, i modelli di affettatrici sono svariati e si differenziano in base alle prestazione ed ai materiali in cui sono fabbricate.
Le affettatrici pieghevoli sono ideali per chi desidera affettare salumi poco stagionati e di piccolo formato. Come ad esempio piccole mortadelle, salame non troppo stagionato, prosciutto cotto, arrosti, verdure o pane. Le marche produttrici principali dieuro questo tipo di affettatrice sono Bosch e Severin e il loro prezzo parte dai 30 euro fino a superare i 100 euro.

Per quanto riguarda le altre affettatrici per uso domestico, RGV propone diversi modelli in base alle necessità e al prezzo.
Si parte dai 50 euro per i modelli più compatti come quelli della linea Rgv Ausonia, per chi desidera un’affettatrice dalle prestazione di base.

Chi invece vuole qualcosa di professionale, in grado di tagliare grossi tranci di salumi stagionati, può puntare verso un modello dalle prestazioni più elevate, come quelli della linea Rgv Lusso. In questo caso il prezzo partirà dai 200 euro in su.

Conclusioni

Qualsiasi scelta deciderete di fare, considerate accuratamente le vostre reali esigenze. Evitate di effettuare acquisti avventati che potrebbero rivelarsi un inutile spreco di denaro, anche tenendo conto del fatto che l’affettatrice è un elettrodomestico che, se ben tenuto, è praticamente eterno.

Non sai quali sono le migliori?
➤ Vedi la nostra classifica delle migliori affettatrici aggiornata a ottobre 2017.

Come scegliere un’affettatrice
5 (100%) 5 votes
Fai una domanda o lascia un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *