Home » Come scegliere » Come scegliere un essiccatore per alimenti

Come scegliere un essiccatore per alimenti

Come scegliere un essiccatore per alimenti
  • Staff Angolo degli Acquisti
  • 2 anni ago

Forse non lo sai, ma produrre dell’ottima frutta secca o disidratare i funghi che ogni inverno raccogli vicino a casa può essere fatto tranquillamente a casa senza grosse spese.

Infatti, grazie al progresso tecnologico, quello che prima era un elettrodomestico destinato ad esercizi professionali (come ristoranti o grandi aziende alimentari), ora è diventato accessibile a tutti.

Stiamo parlando dell’essiccatore per alimenti. Un apparecchio che ti permetterà di essiccare velocemente tutte le pietanze che vorrai, per poi consumarle quando ne avrai voglia.

Ma come scegliere un essiccatore per alimenti? Vediamo i fattori da tenere in considerazione.

ProdottoDimensioni Prezzo Voto Azioni
Biosec Domus B5
45 x 27 x 27 cm
4.5 kg
176€ 9.6 / 10 Vedi Offerta Recensione
Klarstein Bananarama
-
-
86.99€ 9.2 / 10 Vedi Offerta Recensione
Beper 90.506
33 x 33 x 27 cm
3 kg
44.5€ 8.6 / 10 Vedi Offerta Recensione

Funzionalità necessarie

Alcune delle caratteristiche praticamente obbligatorie di un essiccatore alimentare sono:

  • la presenza di un timertimer essiccatore
  • la possibilità di regolare la temperatura

Il primo perchè, se vorrai utilizzarlo di notte, potrai impostare l’ora (o meglio la durata) di spegnimento. Ti garantirai così dei sonni tranquilli senza l’angoscia di doverti ricordare l’indomani di spegnere l’essiccatore prima di andare a lavoro.

Il regolatore della temperatura (molte volte indicato con la dicitura “velocità” nelle schede tecniche) ti darà libertà di movimento e di scelta andando ad impostare la temperatura adatta in base alla tipologia di alimento che vorrai essiccare.

Capienza

Anche la capienza di un essiccatore elettrico è un fattore da tenere in considerazione. Ci sono modelli poco capienti che permettono di essiccare fino ad un massimo di 3kg di prodotto per volta e altri che arrivano sino ad 8kg o più.

Prima di catapultarti verso un modello capiente (e probabilmente ingombrante) considera l’utilizzo che vorrai farne. Se credi di utilizzarlo per essiccare di tanto in tanto qualche mela orientati allora verso un modello di dimensioni ridotte!

stockli_cestelli_plasticaNumero di cestelli

Il numero dei cestelli va di pari passo con la capienza.

Alcuni essiccatori di forma circolare forniscono la possibilità di impilare gli scompartimenti in modo da ridurre (o eventualmente estendere comprando separatamente altri cestelli) la zona da scaldare e quindi il consumo dell’elettrodomestico.

Consumo energetico

Il consumo energetico di questi elettrodomestici è generalmente basso. In commercio troverai modelli da 250 a 700W.

Considera che non sempre minor potenza equivale a risparmio. Ad esempio, è facile intuire che un essiccatore da 700W ci metterà molto meno a disidratare le tue verdure (o altro) di uno da 250W, con conseguente diminuzione dei consumi.

Il prezzoeuro

Ovviamente il primo fattore, sopprattutto in questi periodi di crisi, è il prezzo! Su internet troverai svariate offerte e generalmente gli essiccatori domestici hanno un prezzo che va dai 50 ai 400 euro. 

Conclusioni

Se stai considerando di acquistare un essiccatore domestico per alimenti, fissati un budget e poi scegli in base a capienza, numero di cestelli e consumo energetico. Sei pronto? Allora ti consigliamo di visitare questa pagina con una comoda lista dei migliori essiccatori per alimenti!

Non sai quali sono i migliori?
➤ Vedi la nostra classifica dei migliori essiccatori per alimenti aggiornata a agosto 2017.
In alternativa puoi trovare tutte i essiccatori per alimenti in offerta aggiornate ogni giorno.

Come scegliere un essiccatore per alimenti
4.4 (88%) 5 votes
Fai una domanda o lascia un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *