Home » Cura della persona » Come scegliere un epilatore a luce pulsata

Come scegliere un epilatore a luce pulsata

Come scegliere un epilatore a luce pulsata
  • Staff Angolo degli Acquisti
  • 2 anni ago

Il sogno di tutte le donne (e anche di qualche uomo) è quello di poter eliminare definitivamente i peli da alcune zone del corpo, se non in tutte. 🙂
Per fare questo però è necessario andare dall’estetista e sottoporsi a delle sedute molto costose di epilazione permanente, o acquistare appunto, un epilatore a luce pulsata.

Siamo chiari: il risultato finale non è esattamente come quello che si otterrebbe andando dall’estetista, e ci vuole più tempo per eliminare il pelo alla radice. Questo strumento però è un buon compromesso e consigliamo a tutte le donne e anche agli uomini, di acquistarlo e provarlo sulla propria pelle.

ProdottoDimensioni Prezzo Voto Azioni
Imetec Bellissima Zero
-
1 kg
83.9€ 8.6 / 10 Vedi Offerta Recensione
Philips Lumea Comfort
12.5 x 8 x 4.5 cm
-
182.36€ 9.0 / 10 Vedi Offerta Recensione
Silk'n Flash&Go Plus
8.5 x 15.5 x 21 cm
375 kg
9.4 / 10 Vedi Offerta Recensione
Remington i-Light Essential
52.7 x 27.5 x 25.6 cm
-
137.17€ 9.8 / 10 Vedi Offerta Recensione

Come funziona l’epilatore a luce pulsata

epilatori-a-luce-pulsataL’epilazione a luce pulsata promette di ottenere un effetto pressoché permanente eliminando il pelo alla radice.
La fotoepilazione infatti non garantisce una definitiva eliminazione del bulbo pilifero, tuttavia riduce considerevolmente sia la ricrescita che la quantità di peli.

L’epilatore a luce pulsata converte l’energia in calore, che viene assorbito dalla melanina contenuta nel follicolo del pelo fino a distruggerlo completamente.
Ma come scegliere l’epilatore più adatto alle tue esigenze?

Ad ogni pelle il suo trattamento

L’epilazione a luce pulsata dà migliori risultati laddove il pelo è significativamente più scuro della pelle. Se hai la carnagioneinfo-tipo-pelle-01 scura probabilmente questo tipo di epilazione non ti aiuterà a sconfiggere la peluria chiara del viso, ma otterrai risultati soddisfacenti nelle zone che presentano peli scuri, come le gambe e l’inguine.

In commercio sono disponibili modelli che permettono di selezionare il colore della propria carnagione, fototipo appunto, per garantire un buon risultato. E’ bene anche sottolineare che gli incarnati più scuri accusano più dolore durante il trattamento perché la pelle è più ricca di melanina e dunque assorbe più calore.

La lunghezza d’onda

Il primo parametro da valutare prima dell’acquisto è la lunghezza d’onda della luce emanata dalla lampada. Diversi studi scientifici hanno dimostrato che la melanina, che è il cromoforo che vogliamo colpire, reagisce meglio a lunghezze d’onda che vanno tra i 550 e i 650 nm.
Dunque tutti i prodotti sotto queste lunghezze d’onda si riveleranno praticamente inutili. Il limite massimo per effettuare il trattamento in sicurezza è di 1100 nm, cifra alla quale non arriva nessun macchinario per uso domestico.

Densità di energia e superficie colpita

Questi due parametri sono strettamente legati tra loro.
In sostanza la densità indica con quanta potenza viene emanato il raggio di luce su una certa area. La superficie colpita indica invece quanto sia esteso il raggio luminoso.

Ovviamente è preferibile che il primo valore sia abbastanza alto, poiché determina l’efficacia del trattamento. Confrontando due prodotti che colpiscono entrambi una superficie di 4 cm quadrati, vale la pena acquistare quello che ha una densità maggiore. Lo stesso discorso vale per due prodotti con superficie colpita differente. Meglio propendere per una superficie minore, ma densità più elevata.

La densità massima in commercio non supera i 7 j su cm quadrato, ben lontana dai valori che metterebbero a rischio la salute dei tessuti cutanei.

Numero di sedute necessarie

Nonostante questa voce sia spesso presente tra le caratteristiche tecniche del prodotto, in realtà non è semplice fare una stima realistica perchè ognuno ha una quantità diversa di bulbi piliferi, con strutture differenti.

I test effettuati dalla casa produttrice, per quanto possano considerare tutte le variabili e prendere come campione individui di fototipi differenti, non sono un dato certo. Orientativamente per un risultato visibile sono necessarie dalla 5 alle 7 sedute.

La durata della lampada

impulsiUn dettaglio da non trascurare è la durata della lampada, generalmente espressa in numerodi pulsazioni garantite dall’apparecchio prima di essere costretti a sostituirla.
E’ possibile infatti che un costo basso dell’apparecchio si traduca in un ingente esborso di denaro al momento dell’acquisto delle lampade sostitutive.

Allo stesso modo potrebbe essere la durata a giocarti un brutto scherzo, per cui leggi con attenzione questo dettaglio prima di acquistare il tuo epilatore.

Comfort, dimensioni e accessori

Nonostante possa sembrare un fattore secondario, quello del comfort è un problema serio, soprattutto quando intendiamo utilizzare l’epilatore in zone particolarmente scomode come ascelle e inguine: in questi casi infatti le dimensioni fanno la differenza.accessori

E’ possibile scegliere epilatori con caricabatterie, che evitano la scomodità del cavo e la necessità di essere vicini ad una presa di corrente, oppure prodotti che necessitano un’alimentazione elettrica.
Quanto alle forme si va dall’ovetto alla pistola a seconda anche del peso dell’epilatore.

Molti modelli, per venire incontro alla necessità di utilizzare lo strumento per aree più o meno grandi, sono dotati di accessori per ridurre la superficie irradiata. Alcuni epilatori infatti permettono l’epilazione sia delle gambe che del viso, semplicemente applicando un filtro davanti alla luce pulsata.

euroPrezzi

Tenendo conto delle caratteristiche elencate, potrai facilmente escludere dalla tua lista gli epilatori che non presentano una scheda tecnica adeguata alle tue necessità. I prezzi degli epilatori domestici si aggirano in un ampio range che va dai 130 € fino ai 600 €.

Conclusioni

I consigli migliori da seguire sono due. Innanzitutto la qualità è di fondamentale importanza non solo per un buon risultato e per la durata dell’apparecchio, ma anche e soprattutto per salvaguardare la tua salute. Per questo motivo vale la pena di investire qualcosa in più per acquistare un prodotto sicuro che contenga al suo interno istruzioni dettagliate e precise.

In secondo luogo è meglio scegliere un apparecchio dotato di diversi accessori. Dopo aver utilizzato l’epilatore sul viso potremmo decidere di agire anche su altre zone del corpo.

Se lo strumento ha una superficie d’azione troppo piccola saremo costretti a fare un nuovo acquisto. Meglio dunque decidere sin da subito di fare un unico investimento. Inoltre gli apparecchi più accessoriati affiancano al costo maggiore una durata più elevata dei materiali, fattore che non è possibile trascurare.

Non sai quali sono i migliori?
➤ Vedi la nostra classifica dei migliori epilatori a luce pulsata aggiornata a ottobre 2017.

Come scegliere un epilatore a luce pulsata
5 (100%) 3 votes
Fai una domanda o lascia un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *